dei diritti e delle pene

 
 

dei Diritti e delle Pene – art. 32 Salute

32 salute

Mentre le regioni fanno sempre più fatica a risanare il sistema sanitario regionale il governo si appresta a nuovi tagli definiti “efficienza”. Come viene garantito e soddisfatto il diritto alla salute? Dall’inquinamento alle condizioni di lavoro, alla medicina di base e agli interventi sulla medicina specialistica. Su questo vogliamo discutere insieme con deputati, consiglieri regionali e lavoratori della sanità. Ricostruire intorno a questo tema una riflessione e qualche idea da portare avanti.


dei Diritti e delle Pene – art. 3 Pari Dignità

art 3 locandina

Ogni giorno ognuno di noi è posto di fronte a numerosi ostacoli di carattere sociale, economico e legislativo che nei fatti limitano la nostra libertà e la nostra dignità sociale. Ogni giorno ci accorgiamo che di fronte alla legge i cittadini non sono tutti uguali, troppo spesso la rivendicazione di diritti passa attraverso aule di tribunali nelle quali la capacità di poter prendere un ottimo avvocato conta molto di più del Diritto. Per non parlare dell’effettiva partecipazione alla vita pubblica, all’organizzazione politica, economica e sociale della vita pubblica. L’astensionismo delleRead More


art 36 Lavoro

art.36 locandina

Il rispetto del lavoro, la sua centralità è sempre più venuta meno. Ormai assistiamo ad una vera e propria lotta di classe al contrario, ad una sempre più forte “sindacatofobia” che vede nei diritti dei lavoratori l’unico nemico e pericolo per l’economia nazionale. La “narrazione” degli ultimi trenta anni è stata durissima contro il lavoro. Le condizioni di lavoro sono sempre più peggiorate richiamando la libertà dell’impresa come l’unico sistema per recuperare competitività e crescita. Eppure, proprio la crescita è venuta meno e l’economia è andata sempre più peggiorando. TuttoRead More


L’importanza dell’istruzione per il futuro del Paese – art. 33

Attraverso gli articoli 33 e 34 della Costituzione viene sancita la massima attenzione della Repubblica al tema dell’istruzione. Oggi il sapere è il fulcro delle società moderne, possedere sapere consenta di essere liberi, esercitare i propri diritti nella società complessa dove ci troviamo. Ma possedere una quantità di sapere sempre più ampia è l’unica vera assicurazione che nell’arco della propria vita si possa avere lavoro e che il proprio Paese possa competere nell’economia internazionale. Tuttavia l’Italia rimane il paese OCSE con il minor numero di laureati e con la maggioreRead More


Dei diritti e delle pene.

Sintesi dell’incontro tenuto il 3 giugno 2015 presso la Cappella Orsini in via di Grottapinta, organizzato da Giubberosse. Dei diritti e delle pene. Articolo 13 della Costituzione. Relatori: Michele Prospero, docente di filosofia politica università la sapienza; Roberta Agostini, deputata pd. “La libertà personale è inviolabile”. Il principio che regola l’articolo 13 della nostra Costituzione racchiude ed esalta un diritto inalienabile che a dietro di sé una storia antica, di idee, di lotte, di faticose e mai definitive conquiste. E’ il diritto che sancisce come nessun altro la piena autonomiaRead More


Partecipare o organizzare la politica – art. 49

Ci troviamo in un momento storico nel quale la crisi dei partiti e della partecipazione politica appare evidente. Alle ultime elezioni regionali circa il 50% degli elettori non ha partecipato al voto, mentre movimenti apertamente di protesta hanno raccolto un consistente numero di voti. I partiti “istituzionali” appaiono non riuscire a dare rappresentanza alla maggioranza degli elettori con gravi rischi di tenuta democratica. E’ dunque necessario ripensare le forme della partecipazione politica e della rappresentanza, dell’organizzazione della politica. solo attraverso forme organizzate della partecipazione politica e della democrazia è possibileRead More


Articolo 13

dei diritti e delle pene

Art. 13. La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’Autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge, l’autorità di Pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che devono essere comunicati entro quarantotto ore all’Autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto. ÈRead More